Oscar 2020: trionfa "Parasite". Il film sudcoreano di nuovo in sala anche in Italia

“Parasite" del regista sud-coreano Bong Joon-ho, ha trionfato alla Notte degli Oscar, aggiudicandosi, per la prima volta nella storia, la statuetta di miglior film, pur non essendo stato girato in lingua inglese. Il film, una commedia nera, racconta la lotta di classe giocata sui diversi piani di una casa borghese dove, come è solito ripetere il regista, premiato con la stretta per la miglior regia, non ci sono nè buoni nè cattivi. “Parasite, riuscito nei giorni scorsi anche nelle sale italiane, si è inoltre aggiudicato l’Oscar come miglior film straniero e per la migliore sceneggiatura originale.

Gli Oscar sono stati gli ultimi riconoscimenti in ordine di tempo, per un film che ha fatto incetta di premi dalla Palma d'oro al Festival di Cannes,al premio per il miglior film –in lingua straniera ai Golden Globes. Tanti premi, in patria e fuori, anche per gli interpreti, tra cui Song Kang Ho, Jang Hye Jin, Choi Woo Shik e Park So-dam.

Premiato dalla critica e anche al botteghino: dalla sua data di uscita nell'ottobre 2019, il film ha incassato oltre 30 milioni di dollari in patria e oltre 163 milioni in tutto il mondo. Numeri che promettono di crescere ulteriormente dopo la Notte degli Oscar.

Bong Joon-ho, il regista, formatosi guardando i film di Brian De Palma, Sam Peckinpah, John Schlesinger e Francis Ford Coppola, ha già molti progetti importanti al suo attivo. Ha diretto "Snowpiercer" del 2013, "The Host" del 2006 e "Okja" del 2017.

para 1